Home / News / SABATO 12/09 MANIFESTAZIONE PERIFERIA MILANO PER MAGGIOR SICUREZZA

SABATO 12/09 MANIFESTAZIONE PERIFERIA MILANO PER MAGGIOR SICUREZZA

SABATO 12/09 MANIFESTAZIONE CITTADINI Q.RE ADRIANO/VIA PADOVA/CRESCENZAGO/PONTE NUOVO
I cittadini delle periferie sono esaperati e – commenta Silvia Sardone, responsabile del dipartimento Sicurezza e Periferie di Forza Italia Lombardia e consigliere di zona 2 – incominciano a organizzarsi per chiedere maggior sicurezza con un evento, senza bandiere di partito, nelle strade. Un presidio spontaneo, fortemente richiesto dai cittadini perbene che vogliono vivere il proprio quartiere senza avere paura di girare nelle vie.
Sabato 12 settembre, con gli abitanti dei quartieri Adriano, Via Padova, Crescenzago, Ponte Nuovo e Palmanova, organizziamo una manifestazione, alle 17 in Via Adriano davanti all’edicola all’angolo con via Lussu.
Il presidio è diretta conseguenza di un’emergenza sicurezza evidente in queste zone. Nel quartiere Adriano sono numerosi gli edifici abbandonati e occupati, furti in casa e scippi sono quotidianità; via Padova è il simbolo del fallimento del modello di integrazione caro a sinistra, una polveriera dove i fatti di cronaca sono una costante e spaccio, prostituzione anche di giorno, risse, aggressioni sono la realtà di ogni giorno. Ci sono strade come via Arquà, Via Clitumno e Via Cavezzali, fortini della delinquenza, dove persino le forze dell’ordine faticano ad entrare.
Anche a Crescenzago, in Via Ponte Nuovo e in Via Palmanova il degrado è sotto gli occhi di tutti, amplificato da locali, spesso gestiti da stranieri, che diventano ritrovo di ubriachi e delinquenti.
Non dimentichiamo inoltre il grande problema del campo rom di Via Idro e degli insediamenti abusivi di nomadi sulle sponde di Martesana e Lambro e a Cascina Gobba. Sono tanti i problemi, purtroppo spesso legati ai tanti immigrati che affollano quest’area di Milano, che preoccupano i cittadini.
Per questi e tanti altri motivi i cittadini scendono in piazza chiedendo: più passaggi delle pattuglie e un presidio fisso delle forze dell’ordine nei punti più a rischio criminalità, la ripresa del pattugliamento delle strade da parte dell’esercito, la chiusura di tutti i campi rom in zona, l’installazione di apparati di videosorveglianza, l’abbattimento degli edifici di Via Adriano 60, la messa in sicurezza e il ripristino delle aree abbandonate, il controllo costante (fino a eventuale chiusura) dei locali problematici, aperti di notte e un contrasto effettivo alle azioni di vandalismo (le auto con vetri rotti ormai si contano a centinaia negli ultimi mesi) e allo scarico abusivo di rifiuti pesanti (la zona di Via Padova soffre tremendamente di questo problema).
La sicurezza è una priorità sentita e infatti una raccolta firme su questi temi, che ho organizzato in questi mesi, ha già raggiunto oltre 1000 adesioni. I milanesi di questa periferia si sentono abbandonati dal Comune, incapace di prevedere un piano urgente contro la criminalità e in generale non sentono la presenza delle istituzioni e delle forze dell’ordine. Il degrado è ormai diventato abitudine ma questi quartieri non si arrendono e pretendono un cambio di passo, stanchi delle promesse disattese da parte del Comune e di un livello di insicurezza ormai impossibile da nascondere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" dai il consenso al loro utilizzo.

Chiudi