Home / Milano / Rom sul Lambro, situazione degradante e incredibile

Rom sul Lambro, situazione degradante e incredibile

Baracche/tende dei rom sul lambro a cascina gobba
Ci sono passata ieri e la situazione è sempre incredibilmente desolante. Ho fatto alcune foto che le allego. Ho presentato un’interrogazione a settembre in consiglio (ma la situazione è preoccupante da più mesi) a cui ho ricevuto una risposta senza contenuti da parte della giunta (ma anzi una specie di rimbalzo di responsabilità).

La situazione è veramente degradante da mesi – commenta Silvia Sardone, consigliere di zona 2 di Forza Italia – e i cittadini della zona sono veramente esasperati. I furti negli appartamenti e gli scippi nelle strade sono all’ordine del giorno, i residenti chiedono aiuto, evidentemente stanchi di dover subire questa occupazione costante. Non dimentichiamo, tra l’altro, che a poca distanza c’è anche il campo rom di Via Idro, teatro recentemente di scontri sanguinosi tra bande. Non è tollerabile che a Milano ci sia una favela di questo tipo, uno scempio quotidiano che preoccupa un intero quartiere. Possibile che un’amministrazione che fa propaganda quotidiana sull’integrazione e la solidarietà non intervenga con uno sgombero definitivo per assicurare, eventualmente, una sistemazione più dignitosa ai nomadi? Facile dire – conclude Sardone – che entro l’anno interverranno senza indicare come. Il lassismo di questa giunta è francamente sconcertante e intanto i milanesi subiscono la resa della maggioranza su questi temi. Circondati da campi rom e abbandonati a criminalità diffusa, è questo il messaggio che la sinistra vuole offrire a chi chiede solo la fine di questo degrado?

Segnalazione ripresa da Affaritaliani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" dai il consenso al loro utilizzo.

Chiudi