Home / Milano / NON BASTANO LE BARRIERE, SUBITO CONTROLLI IN CENTRI ISLAMICI E CENTRI DI ACCOGLIENZA

NON BASTANO LE BARRIERE, SUBITO CONTROLLI IN CENTRI ISLAMICI E CENTRI DI ACCOGLIENZA

Oltre alle ovvie precauzioni sul territorio come il posizionamento dei new jersey nei punti sensibili – commenta Silvia Sardone, consigliere comunale di Forza Italia – servirebbero anche accurati controlli non solo nei centri islamici ma anche nei centri di accoglienza. D’altronde solo la sinistra può ormai negare il rischio che ci siano infiltrati tra i migranti che quotidianamente giungono in Italia. Non scordiamo che l’attentatore in Finlandia era un marocchino richiedente asilo così come la cellula degli stragisti di Barcellona era formata da marocchini, alcuni dei quali da poco arrivati in Spagna. Lo stesso killer di Berlino, il tunisino Anis Amri, era arrivato a Lampedusa con i barconi così come alcuni attentatori dei terribili attacchi di Parigi del novembre 2015 erano arrivati in Europa nascosti tra i migranti. Capisco che a sinistra continuino a negare questo legame ma ormai è sempre più evidente che un’accoglienza senza freni può favorire l’arrivo di potenziali terroristi.
I controlli nei centri di accoglienza sono scarsissimi: una buona strategia di difesa passa da accurate informazioni su chi ospitiamo e attraverso maggiore attenzione sui centri islamici”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" dai il consenso al loro utilizzo.

Chiudi