Home / Milano / NoExpoDays, stabile occupato, cittadini esasperati. “Comune colpevole e connivente con i centri sociali”

NoExpoDays, stabile occupato, cittadini esasperati. “Comune colpevole e connivente con i centri sociali”

NoExpoDays, stabile occupato, cittadini esasperati. Forza Italia “Comune colpevole e connivente con i centri sociali”

Dopo il corteo per le vie di Milano, i manifestanti della MayDay Parade hanno occupato una palazzina in disuso all’angolo tra via Stresa e piazza Carbonari. Nello stabile si terranno per 3 giorni i No Expo Days.

“E’ vergognoso che la città sia stata presa in ostaggio dai soliti facinorosi di estrema sinistra – commenta Silvia Sardone, membro della segreteria regionale di Forza Italia Lombardia e consigliere di zona 2 – ed è assurdo che sia stato consentito ai centri sociali di organizzare, con tutta tranquillità, un’occupazione abusiva da tempo annunciata, anche online sui siti antagonisti.

Gli abitanti del quartiere hanno denunciato sin da ieri pomeriggio notevoli disagi e hanno richiesto l’intervento delle forze dell’ordine. Non è possibile che per 3 giorni un’intera zona diventi ostaggio di esagitati, buoni solo a disturbare la cittadinanza con la scusa di una protesta dai toni esagerati e contenuti ridicoli.

Ovviamente il sindaco Pisapia e la sua maggioranza non hanno fatto nulla. Pur sapendo quali erano le intenzioni degli estremisti di sinistra hanno preferito voltare le spalle, abbandonando i cittadini del quartiere. D’altra parte la connivenza tra Palazzo Marino e i centri sociali è nota da tempo e non ci meraviglia che a pagare, per questa scandalosa vicinanza ideologica, siano i cittadini.  Ci chiediamo a cosa serva un Sindaco che pur sapendo benissimo quali erano i propositi dei manifestanti lascia fare consentendo di creare evidenti fastidi agli abitanti del quartiere. Pisapia si svegli dal complice sonno e intervenga, collaborando con le forze dell’ordine, per riportare tutto alla normalità. Basta – conclude Sardone – con queste deprimenti dimostrazioni di forza che squalificano non solo i protagonisti dell’occupazione ma l’intera città e l’amministrazione”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" dai il consenso al loro utilizzo.

Chiudi