Home / Milano / Nel quartiere Adriano ora spuntano pure le giungle

Nel quartiere Adriano ora spuntano pure le giungle

Sempre più degrado in zona, l’erba non viene tagliata e ci ritroviamo una vera giungla tra le strade. Pericolo ambrosia e serpenti e la criminalità usa queste zone per lo spaccio”. A raccontarlo è Silvia Sardone, consigliere forzista di zona 2, che poi prosegue: “Tra degrado e abbandono ora spuntano persino le foreste nel quartiere Adriano. Da Via Tognazzi a Via Tremelloni passando per Via Mulas sono tantissime le zone dove l’erba non viene tagliata e ormai ci sono aree dove la vegetazione è cosi fitta da dare l’impressione di essere in una giungla. In Via Tognazzi al parcheggio l’erba è alta quasi il doppio delle macchine mentre verso il lato Tremelloni ci sono arbusti alti 2-3 metri. Sono state persino trovate in queste aree bisce e vipere”.

Come in ogni giungla che si rispetti agli animali fanno compagnia i selvaggi: “E proprio in mezzo a queste boscaglie avvengono episodi di spaccio a cielo aperto – continua la Sardone – L’incuria è ormai un’abitudine ma in questa zona questo abbandono assume aspetti preoccupanti visto che ovunque è presente l’ambrosia, dannosa per la salute. Da tempo avanzo la richiesta di un’ordinanza speciale per il taglio dell’ambrosia e la disinfestazione delle zanzare ma l’amministrazione Pisapia dorme colpevolmente. Anche il taglio dell’erba dovrebbe essere una prassi consolidata mentre invece in questa zona è quasi un evento straordinario”.

“Il vice sindaco aveva inoltre promesso l’inizio dei lavori di bonifica dell’area ad aprile, poi a luglio, poi il 20 di agosto, ma nulla è avvenuto. Ci troviamo in un’area dove i cittadini sono esasperati tra continue occupazioni abusive da parte di rom e sbandati, edifici abbandonati, parchi promessi e mai realizzati, trasporti scarsi e persino strade non completate. E ora – conclude Sardone – anche le foreste in mezzo alle vie. Come nelle zone più povere del pianeta, esattamente come Pisapia considera il quartiere Adriano, una periferia da terzo mondo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" dai il consenso al loro utilizzo.

Chiudi