MAXI RISSA IN STAZIONE CENTRALE TRA STRANIERI. SINISTRA COLPEVOLE DI QUESTA POLVERIERA
Home / Milano / MAXI RISSA IN STAZIONE CENTRALE TRA STRANIERI. SINISTRA COLPEVOLE DI QUESTA POLVERIERA

MAXI RISSA IN STAZIONE CENTRALE TRA STRANIERI. SINISTRA COLPEVOLE DI QUESTA POLVERIERA

Sono sette le persone arrestate dopo una maxi rissa, scoppiata ieri pomeriggio nei pressi della stazione Centrale, in cui sono stati coinvolti una quindicina di soggetti. Tre arrestati sono di origine afgana, mentre gli altri sono un cittadino italiano nato in Tunisia, un libico, un nigeriano e un somalo.

————————————–

La stazione Centrale dovrebbe essere un biglietto da visita per la città, ma la situazione di degrado è fuori controllo. Questo in sintesi il pensiero, diffuso in una nota, di Silvia Sardone, consigliere regionale e comunale del Gruppo Misto: “Nell’indifferenza del Comune la zona della stazione Centrale continua a essere terra di nessuno – dichiara Sardone – dove gruppi di immigrati arrivano a fronteggiarsi con cocci di bottiglia e catene. Questi sono i risultati delle politiche della giunta Sala: accoglienza indiscriminata, zero regole e degrado”. “Ieri sera sono state arrestate 7 persone tra cui i soliti richiedenti asilo che passano le loro giornate in piazza Duca d’Aosta tra spaccio e bivacchi – continua Sardone – È una situazione ormai fuori controllo che non può però essere più tollerata: altro che negozi per riqualificare l’area, servono blitz giorno dopo giorno ed espulsioni immediate per gli irregolari che delinquono. Ricordo a Sala che questa zona dovrebbe essere il biglietto da visita della città per i tanti turisti: che bello spettacolo”.
red

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" dai il consenso al loro utilizzo.

Chiudi