Home / Milano / COMUNE: 65% SUSSIDI PER LA POVERTA’ A STRANIERI, NO ATTENZIONE PER ITALIANI

COMUNE: 65% SUSSIDI PER LA POVERTA’ A STRANIERI, NO ATTENZIONE PER ITALIANI

“Secondo i dati forniti dalla direzione Politiche Sociali del Comune di Milano, in risposta a una mia interrogazione sui destinatari delle misure al sostegno al reddito, il 64,77% dei fondi per il 2016 per la povertà destinati a nuclei familiari con minori a carico (misura M1 di quelle di sostegno al reddito) è andato a cittadini extracomunitari, contro il 31,96% erogati alle famiglie milanesi (il restante 3,27% è andato a cittadini stranieri provenienti dalla UE). Su 1924 beneficiari ben 1246 sono extracomunitari. Una percentuale che lascia veramente sbigottiti e che la dice lunga sull’orientamento del welfare meneghino verso gli stranieri”. Così in una nota Silvia Sardone, consigliere comunale di Forza Italia. “Salta subito all’occhio, vista la percentuale di povertà dei cittadini italiani – prosegue – che anche se il 100% degli extracomunitari fosse indigente, non potrebbero superare nel numero gli italiani aventi diritto al sussidio, eppure sono di gran lunga quelli che ne ricevono di più. Altrettanto evidente è che altre comunità, come quella rumena, la più numerosa in Italia con quasi 250.000 persone presenti sul nostro territorio, pur non navigando certo nell’oro, non riceve praticamente nessun sussidio. E’ evidente l’esagerata attenzione del Comune per gli immigrati e la scarsa considerazione per gli italiani. Infatti la potente macchina assistenziale messa in piedi dall’assessore Majorino per assistere gli extracomunitari, non si occupa solo di accoglierli e introdurli nella nostra società, ma anche di informarli su cosa gli spetta provvedendo a farglielo ottenere, mentre gli italiani si devono arrangiare da soli. Purtroppo non è così. E’ evidente che buona parte dei milanesi-italiani non sono al corrente dei sussidi cui potrebbero avere accesso, un problema che potrebbe essere facilmente superato se, invece di spendere migliaia di euro per riempire la città di manifesti con il faccione di sala o per iniziative di dubbia utilità, si usassero quei soldi per realizzare campagne informative a loro favore. E’ sempre più preoccupante questa propensione della sinistra a Palazzo Marino nel concentrare attenzione, risorse umane e sussidi verso gli immigrati senza dare lo stesso tipo di supporto ai tanti italiani in difficoltà”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" dai il consenso al loro utilizzo.

Chiudi